Roger Ballen, The Rome Ballen Times

 15 1,000

A cura di Marco Delogu, Flavio Scollo

Edizione in forma di quotidiano
Progetto grafico di Leonardo Magrelli

12 pagine; 48x32cm
9 fotografie in bianco e nero

Svuota

Descrizione

Roger Ballen, statunitense di nascita, ha trascorso gli ultimi trentacinque anni della sua vita a fotografare le periferie di Johannesburg, entrando in contatto profondo con quel mondo estremamente sommerso e distaccato dalla vita comune, composta dagli *shanties* (le baracche di lamiera) ed i suoi abitanti, spesso additati come “freaks”. L’incontro con questo mondo ha condizionato profondamente la sua estetica fino a diventarne icona e da questo incontro nasce una dimensione ancora più oscura, composta da ombre e su cui aleggiano fantasmi di un passato indefinibile.

Per entrare a Roma Ballen ha costruito una sua baracca, che congiunge la sua storia a quella delle periferie romane oggetto di indagini visive del neorealismo, sino a pier paolo pasolini che proprio accanto a una serie di baracche venne trovato morto nella notte tra il primo e il 2 aprile del 1975 .

La baracca è per Ballen il modo di entrare a Roma, violentemente con la sua estetica. Dipinge sui muri con gessi e carboncini i disegni che tante volte ha visto negli shanties sud-africani e mette in atto un palcoscenico teatrale, di cui lui ne è regista e artefice. Su questo palcoscenico lo spettacolo è diviso in tre atti: Nel primo atto la casa prende vita, viene popolata dai suoi personaggi e dalle loro interazioni. Roger ne orchestra ogni elemento, predispone gli oggetti nell’ambiente e nulla è veramente lasciato al caso sebbene tutto possa apparire superficialmente confuso. Il secondo atto è riservato alle sue fotografie, intrise di quel mondo di ombre che Ballen conosce a memoria, lo disassembla e lo ricompone. Il terzo ed ultimo atto è invece il palcoscenico stesso che si offre ai visitatori. La baracca, come in una fotografia tridimensionale ferma in un tempo immobile, invita i visitatori ad affacciarsi e ad entrarvi in contatto.

Roger conclude: “In fin dei conti è un luogo della mente archetipica che contiene sia Roma che Johannesburg. Dunque non è, per me, necessario conoscere la storia di Roma per occupare, in una maniera o un’altra, questo spazio.”

Informazioni aggiuntive

Available options

Unsigned, Signed, With original drawings

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Roger Ballen, The Rome Ballen Times”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *